Latest Reviews

martedì 25 luglio 2017

REVIEW TOUR: OGNI BATTITO DEL CUORE DI GINGER SCOTT



Buongiorno lettori,

si conclude oggi il review party dedicato ad una delle uscite editoriali più attese del momento. Sto parlando di “Ogni battito del cuore” di Ginger Scotti, primo romanzo autoconclusivo della serie Fallling Series. 


Titolo: Ogni battito del cuore

Autori: Ginger Scott

Serie: Falling series #1

Casa Editrice: NewtonCompton Edtori

Genere: New Adult

Data di pubblicazione:  20 Luglio 2017

Pagine: 288


Trama
Prima ho dovuto ricordare come si respira. Poi ho dovuto imparare a sopravvivere. Sono passati due anni, tre mesi e sedici giorni dalla Rowe Stanton di un tempo, da quando la tragedia mi ha rubato la giovinezza e il cuore. Quando sono partita per il college, ho messo mille miglia tra il mio futuro e il mio passato. Ho fatto una scelta: riattraversare il confine, per stare con i vivi. Ma proprio non sapevo da dove cominciare.

E poi ho incontrato Nate Preeter. 

Un giocatore di baseball nella All-America, che non avrebbe dovuto neppure accorgersi di un fantasma come me. Ma l'ha fatto. Non avrebbe dovuto chiedere il mio nome. Ma l'ha fatto. E quando ha scoperto il mio segreto e ha visto le cicatrici che aveva lasciato, sarebbe dovuto scappare. Ma non l'ha fatto.

Il mio cuore era morto, e non sarei mai dovuta appartenere a nessuno. Ma Nate Preeter mi ha fatto ricominciare a provare qualcosa, e mi ha fatto desiderare di essere sua. Mi ha mostrato tutto ciò che mi stavo perdendo. E poi mi ha mostrato come si cade.

“E accade tutto improvvisamente, non appena lo guardo, mi innamoro.”

“Ogni battito del cuore” è una storia di rinascita, di prime volte, di rivincite. È la storia di un amore in grado di guarire e di lenire le ferite dell’anima. È la storia di Rowe e Nate. 

Rowe è distrutta. A soli diciotto anni ha già affrontato più di quanto il suo cuore sia disposto a sostenere. I due anni precedenti hanno nettamente segnato la sua esistenza. Da allora Rowe sopravvive, da allora Rowe ha dimenticato cosa significa vivere. è intrappolata in un limbo fatto di ricordi, di risentimenti, di rimpianti. La sua vita, la sua intera esistenza non ha più un senso, perché tutto il suo universo è stato distrutto, tutto ciò che più amava è andato perduto. Decidere di trasferirsi in Arizona e iscriversi al college è per Rowe un passo importante perché segna l’addio al suo porto sicuro e il primo passo verso un processo di guarigione.

Nate è una piccola celebrità del baseball. Ammirato da tutti e corteggiato da tante, Nate rappresenta appieno l’idea del classico bravo ragazzo. Ebbene si, Nate è lontano anni luci dall’idea di bad-boy propinata oggigiorno dalla maggior parte dei romanzi YA e NA. A Nate non importa spezzare i cuori delle ragazze, ciò cui Nate mira è l’Amore, quello con la A maiuscola. Nate è dolce, sensibile e con valori e sani principi quali l’amore incondizionato per la famiglia e l’affetto smisurato per suo fratello Ty. 

Fin dal loro primo inaspettato incontro, Nate sa che Rowe deve esser sua, sa che lei è diversa da chiunque altra. Sa che Rowe sconvolgerà la sua vita, ed è pronto a lottare per farsi spazio nel suo cuore. 
Rowe non è pronta per lasciare andare il suo passato, a voltare pagina, eppure la vicinanza di Nate colora a poco a poco la sua esistenza, e vivere le sembra finalmente possibile e meno doloroso. 

Devo essere sincera con voi: la prima parte del libro non mi ha molto convinto. Penso di aver ribadito forse troppo spesso che non amo gli “amori-lampo”, quegli amori d’impatto, che riescono a travolgere i protagonisti in un lasso di tempo brevissimo.  Ciò che non mi ha molto convinto è stato proprio il loro primo incontro. Non sono riuscita a sentire i due protagonisti, né a percepire le loro emozioni, eppure mi ritrovavo a leggere di un Nate già completamente invaghito di Rowe dopo poco meno di due ore dal loro primissimo incontro.
Tuttavia, nonostante un impatto non completamente positivo, più mi addentravo nella lettura più ho iniziato ad apprezzare la storia di Rowe e Nate, fino a giungere ad un finale che ho semplicemente amato. 

“Cosa siamo allora, Nate? Cos’è quesa…questa, qualunque cosa sia quello che stiamo facendo? Cosa siamo noi per te?” […]
“Non sono in grado di dirti cosa siamo. Non sono in grado di dirtelo perché dipende interamente da te. Ma posso dirti cosa tu rappresenti per me. E non è la parola amica. E’ talmente oltre la parola amica che ho una paura fottuta adesso di dirlo ad alta voce, perché temo che tu non voglia ascoltarlo. Tu sei la prima cosa a cui penso la mattina e l’ultima a cui penso la sera. Sei il volto presente in tutti i miei sogni e il sorriso che vedo quando chiudo gli occhi. La tua voce […]è musica per le mie orecchie [….]. Mi ha rimescolato qualcosa qui dentro […] non so cosa fare , come comportarmi, e cosa dire. 

La storia è narrata dal punto di vista di entrambi i protagonisti, e ciò permette al lettore di avere una chiara idea dei personaggi. Nonostante i personaggi principali della storia siano Rowe e Nate, la Scott è abile nel caratterizzare anche personaggi secondari cui è impossibile non affezionarsi. Sto parlando di Ty, fratello di Nate con un passato turbolento (e a cui spero verrà dedicato un volume della serie) e di Cass e Paige, sorelle e compagne di stanza di Rowe. 

“Ogni battito del cuore” è una lettura leggera, romantica e molto molto scorrevole. Nonostante le mie aspettative non siano state soddisfatte a pieno, mi sento comunque di consigliarvi questa lettura. 






0 commenti:

Posta un commento

 

Shut up, I'm reading Template by Ipietoon Cute Blog Design and Bukit Gambang